Quantcast

Girelli (Pd): “Regione finanzia legge contro violenza sulle donne”

(red.) Impegno a  finanziare la legge contro la violenza sulle donne e sostenere le reti che operano sul territorio. Questo  il senso della mozione votata oggi all’unanimità in Consiglio regionale della Lombardia  di cui è prima firmataria la vicepresidente del Consiglio regionale, Sara Valmaggi (Pd).   “Oggi”, ha affermato il consigliere bresciano del Pd Gianantonio Girelli, nello stesso giorno in cui  il  Senato ha ratificato la Convenzione di Istambul, che sancisce l’impegno a riconoscere la violenza contro le donne come una palese violazione dei diritti umani,  il Consiglio ha votato una mozione  che impegna la giunta a finanziare la legge 11/2012 sulla violenza sulle donne, e a sostenere  le associazioni   che operano da anni sul territorio e  finora hanno lavorato in solitudine”.
“Si tratta”, ha aggiunto Girelli, “di un passo avanti importante verso la piena attuazione della legge. Passo avanti confortato anche dall’apprezzabile impegno assunto in aula dall’assessora  alle Pari opportunità,  Paola Bulbarelli,  che ha  garantito   che la legge sarà finanziata con l’assestamento di bilancio e  che  i  progetti saranno condivisi con la rete che opera sul territorio. ”
“La volontà del  Consiglio da oggi”, ha concluso, “è quella di dare piena attuazione a una legge che si  pone come obiettivo il sostegno e la tutela delle donne vittime di violenza,ma anche la prevenzione, la formazione  degli operatori delle forze  dell’ordine e l’educazione nelle scuole, fin dalla prima infanzia. L’educazione  al rispetto delle differenze è infatti la vera  risposta a un fenomeno che si consuma  in massima parte tra le mura domestiche e  ha prima di tutto  una natura culturale e come tale non si può combattere  solo con risposte emergenziali ”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.