Cgil Brescia verso lo sciopero provinciale

(red.) “Il Direttivo della Cgil di Brescia ritiene necessario proclamare uno sciopero generale provinciale di 8 ore nel mese di aprile contro i licenziamenti, l´impoverimento del tessuto produttivo e l´attacco ai diritti dei lavoratori, per il mantenimento dell´occupazione e degli accordi”.
È l’annuncio contenuto nel documento – approvato all´unanimità, con sette astenuti – diffuso dalla Camera del lavoro.
Partendo dalla difficile congiuntura che sta vivendo il territorio ed arrivando ai casi eclatanti della Mac (84 addetti a rischio), dell´Iper Pellicano (già Continente) di Rezzato (17 tagli condivisi solo dalla Cisl) e della Sia di Brescia (accordo separato, con l´esclusione della Filt-Cgil). “Si vogliono far pagare solo agli occupati i costi della crisi attraverso licenziamenti di massa e la messa in discussione della rappresentanza e dei diritti acquisiti”, si legge nel documento. “La Cgil ha messo in campo proposte concrete attraverso il piano del lavoro per contrastare questa situazione, piano che deve essere declinato anche a livello provinciale per innescare attività che creino”opportunità. La Camera del lavoro punta sull´individuazione di soluzioni concrete e rapide: per le pensioni e la vicenda esodati, per il finanziamento degli ammortizzatori sociali esistenti e per reperire risorse aggiuntive per estendere i contratti di solidarietà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.