Quantcast

Brescia Sociale e Libertaria condanna l’intervento militare in Mali

(red.) “Anche questa volta l’Italia farà la sua parte in una guerra imperialista, inviando una ventina di uomini, sui 250 complessivi”.
La lista Brescia Solidale e Libertaria condanna l’intervento militare italiano in Mali, così come condanna ogni intervento militare e chiede il ritiro di tutte le truppe italiane da ogni fronte. “La guerra in difesa di un governo legittimo contro il pericolo islamico è un’argomentazione pretestuosa”, si legge in una nota, “in quanto la Francia, nel marzo dello scorso anno, ha sostenuto il colpo di stato che ha portato alla guida del Mali l’attuale governo. Un colpo di stato che ha interrotto il dialogo tra il governo di Bamako e il popolo Tuareg. Siamo di fronte all’ennesima guerra che ha come unico scopo il controllo geopolitico dell’area in questione. Ancora una volta l’Italia è pronta ad usare le armi, a versare sangue di popoli innocenti, in aperta violazione dei principi della Costituzione italiana, di cui molti soggetti politici si autoproclamano sostenitori, che ripudia la guerra come forma di risoluzione delle controversie internazionali”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.