Quantcast

“Libera la domenica”, anche Rolfi firma la campagna

(red.) Il vicesindaco di Brescia Fabio Rolfi, affiancato dalla Presidente del Consiglio comunale Simona Bordonali, dal segretario cittadino della Lega Nord Paolo Sabbadini e dai membri del gruppo consiliare della Lega, ha firmato giovedì pomeriggio l’adesione alla campagna “Liberala domenica” promossa da Confesercenti contro l’apertura domenicale degli esercizi commerciali.
Già alcuni politici bresciani avevano aderito all’iniziativa”, ha dichiarato Fabio Rolfi,”la differenza è che la Lega Nord si è schierata fin dall’inizio contro la decisione di liberalizzare le aperture dei negozi. Gli altri partiti politici hanno invece votato questa liberalizzazione selvaggia in parlamento”. “Ci schieriamo apertamente dalla parte dei piccoli e medi imprenditori, colonna portante del commercio della nostra città e provincia. Siamo contrari alle aperture domenicali che di fatto favoriscono la grande distribuzione e i grandi centri commerciali”, ha aggiunto Rolfi. “Riteniamo inoltre che debba essere scoperto il valore della domenica come giornata da dedicare alla famiglia, agli amici e alle proprie passioni. Non vogliamo che i commercianti debbano essere costretti a lavorare anche la domenica per paura di non riuscire a reggere il ritmo delle grandi catene di distribuzione”.
“Noto con piacere”, ha concluso il vicesindaco, “che questa campagna sta avendo il successo che merita e invito tutti a sottoscrivere la proposta”.
Le firme sono già 1800, a cui vanno aggiunte quelle ottenute nei vari comuni. La raccolta continua sabato 22 dicembre in Corso Zanardelli a Brescia dalle 15 alle 19. Sabato 5 gennaio i banchetti saranno ancora in Corso Zanardelli, mentre martedì 15 a Rezzato presso il mercato dalle 9 alle 12. Si può sottoscrivere la proposta di
legge anche negli uffici dell’anagrafe di tutti i comuni della provincia di Brescia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.