Marò, Giovane Italia: “Terzi non sia uno spettatore passivo”

(red.) “Ad una settimana di distanza dalla visita del Ministro degli Esteri Giulio Terzi che, su nostra sollecitazione aveva dichiarato che i ci sarebbero state novità sui marò in India, le notizie che arrivano da New Dehli sono del tutto negative”.
Lo scrivono in una nota i rappresentanti della Giovane Italia di Brescia. “Crediamo che il governo abbia pazientato fin troppo davanti a questo atteggiamento ostile da parte indiana”, ha spiegato Andrea Ghezzi, consigliere comunale in Loggia, “è bene ricordare che la detenzione in India dei due marò è un atto che contrasta con le leggi elementari di diritto internazionale che prevedono che il processo avvenga in Italia”.
Secondo il presidente provinciale di Giovane Italia, Giangiacomo Calovini, “siamo stanchi di continuare a sentire dai nostri rappresentanti del governo che ci vuole tempo per riavere in nostri connazionali a casa. Anche il ministro si sente sconcertato, ma, visto il ruolo che ricopre nella vicenda, non può essere uno spettatore passivo dinnanzi alle ultime novità. Gli italiani sconcertati sono quelli che lo invitano ad attivarsi al più presto con fermezza”.

 

“Lanciamo un appello a tutto il mondo politico affinchè solleciti il governo ad adoperarsi per porre fine alla detenzione dei nostri marò ed in particolare all’ on. Beccalossi che già più volte si è attivata su questo argomento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.