Quantcast

Lega: “Il Distretto Culturale? Meglio l’Università della Montagna”

Più informazioni su

(red.) “Se non stessimo parlando dei soldi dei nostri cittadini ci sarebbe da sorridere per i risvolti tragicomici che sta assumendo la vicenda Totem”.
La segreteria provinciale della Lega Nord Valle Camonica torna sui 130 pannelli e totem stradali distribuiti sul territorio dal Distretto Culturale di Valle Camonica. “Prendiamo atto delle precisazioni fornite dal Distretto  tramite l’Assessore Ferrarini”, si legge in una nota, “e constatiamo che la pezza è peggiore del buco e che nemmeno lei ha coscienza di come il suo assessorato utilizzi i quattrini pubblici.
Invece di aver gettato al vento 650mila euro, come precedentemente dichiarato alla stampa, ci dicono che ne hanno sperperati 360mila. Invece che razionalizzare la segnaletica ci dicono di aver aggiunto 235 nuovi segnali ai 130 totem che sono inutili quanto illeggibili”.
Queste precisazioni, però, non rassicurano la Lega. “Il Distretto Culturale continua a veicolare milioni di euro che impegnano gran parte del bilancio della Comunità Montana, per questo motivo, visti anche i recenti avvenimenti, riteniamo sia opportuno che si proceda ad una verifica delle attività dello stesso e ad una profonda razionalizzazione delle sue spese”.
Il problema, dunque, al di là dei totem, è capire se il modello del Distretto Culturale sia ancora valido. “Per fare vera cultura e contemporaneamente favorire lo sviluppo dell’occupazione sul nostro territorio”, continua la Lega, “senza avventurarsi in imprese fallimentari come quella dei totem, parte delle ingenti risorse assorbite dal Distretto culturale si potrebbero destinare, ad esempio, al potenziamento e alla valorizzazione dell’Università della Montagna, una struttura che l’Italia intera ci invidia e che ha saputo esprimere eccellenze e professionalità di livello mondiale.
La gestione della cosa pubblica non è un affare da dilettanti allo sbaraglio e ora più che mai il denaro dei cittadini dovrebbe essere risparmiato e non sperperato da irresponsabili”.


            
            
           
        

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.