Quantcast

Lega, Eva Lorenzoni nuovo segretario della bassa

A soli 26 anni, è stata eletta nella circoscrizione della bassa bresciana orientale. "Al Nord, nessuna alternativa al Carroccio. Ripartiamo dal territorio".

(red.) La circoscrizione “bassa bresciana orientale” della Lega Nord ha il suo nuovo segretario.
Sabato 23 giugno 2012, a Bagnolo,  l’assemblea ha eletto Eva Lorenzoni, 26 anni, già Assessore alla sicurezza nel Comune di Gambara. Con la sua elezione, e dopo il recente passaggio di consegne alla guida della Segreteria cittadina di Brescia a Paolo Sabbadini (24 anni), si abbassa ulteriormente l’età media del Direttivo provinciale del Carroccio.
“Sono onorata per la fiducia che i militanti e le sezioni della bassa bresciana mi hanno voluto concedere”, ha spiegato Lorenzoni, “e intendo fare tutto il possibile per rafforzare il radicamento territoriale del nostro Movimento. Siamo consapevoli delle difficoltà e della delicatezza del momento attuale, ma  ritengo che non possiamo continuare a piangerci addosso, anche in forza del fatto che abbiamo dimostrato, a differenza degli altri partiti, di essere in grado di fare autocritica e pulizia vera. Gli errori che sono stati commessi infatti non possono in alcun modo mettere in discussione la credibilità di chi ha sempre svolto la propria attività politica in buona fede e con impegno. Siamo alle porte di un importante congresso federale che segnerà certamente l’inizio di una nuova era per la Lega Nord.
Non esiste infatti nessuna alternativa: il Nord ha più che mai bisogna del Carroccio, un sindacato territoriale che continua a portare avanti le istanze dei nostri cittadini e si batte per le sue vitali esigenze. Come segretario di circoscrizione mi sono impegnata fin da subito a garantire l’unità delle sezioni che rappresento; dobbiamo ritrovare il monolitismo che ci ha sempre contraddistinto dagli altri”.
In merito al suo territorio il nuovo Segretario di circoscrizione pensa che i comuni della bassa bresciana siano una realtà con grandi potenziali. “Ritengo che la battaglia primaria, in questo momento di crisi economica, sia di una difesa ad oltranza della nostra agricoltura e più in generale del nostro tessuto produttivo. Spero”, ha concluso Lorenzoni, “che la mia elezione possa spronare anche altre donne a mettersi in prima linea per fare la propria parte. Troppo spesso infatti si ritiene, erroneamente, che il mondo della politica sia una faccenda da uomini; il mio impegno vuole andare anche nella direzione di sfatare questo fastidioso luogo comune.”


            
            
           
        

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.