Quantcast

Red 2009, “Gli errori dell’Inps non pesino sugli anziani”

Più informazioni su

(red.) Per un errore dell’Inps nazionale a molti anziani viene recapitata una lettera che chiede di produrre il red relativo ai redditi 2009, pena la sospensione e la conseguente revoca della pensione.
“Ora”, si legge in un comunicato stampa dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil di Brescia, “essendo già chiarito che la stragrande maggioranza delle persone a cui viene chiesto di produrre il red lo aveva già fatto e l’Inps, attraverso il mega sistema informatico non è in grado di verificarlo, noi pensiamo che non sia nemmeno lontanamente pensabile che vengano sospese le prestazioni, cioè la pensione, nè che vengano  minacciate persone che non hanno alcun torto. Pretendiamo pertanto che l’Inps nazionale annulli e sospenda le comunicazioni già inviate dando certezza di continuità delle prestazioni stesse. Non si possono trattare così centinaia di migliaia di anziani, per la maggior parte utenza debole che ha bisogno di essere protetta e non vessata”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.