Quantcast

Sonico, cosa è successo al capriolo

(red.) Il personale del centro faunistico del parco dell’Adamello ha scritto alla redazione di quiBrescia.it per alcune specifiche su un articolo pubblicato il 27 dicembre 2013.
«L’animale che il giorno 26 dicembre è stato raccolto ferito dalla Polizia Provinciale di Brescia è giunto presso il nostro CRAS già morto. Trattasi di una femmina adulta di capriolo. I nostri veterinari hanno eseguito una necroscopia dell’animale per determinarne la causa della morte. Il soggetto si presentava in un sufficiente stato di nutrizione, dagli esami eseguiti si sono evidenziate estese lesioni cutanee e vari traumi a carico degli organi interni con versamento di liquidi in cavità peritoneale».
«Le lesioni – continua il comunicato – sono  plausibilmente ascrivibili a trauma da impatto con autovetture, l’assenza di lesioni all’apparato muscolo scheletrico ha probabilmente permesso all’animale di allontanarsi dal luogo dell’impatto. Nonostante la tempestività del soccorso e l’idoneità del trasporto, le difficoltà respiratorie causate dal versamento cavitario e dall’ernia diaframmatica hanno causato il decesso dell’animale durante il trasporto al CRAS».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.