Maxi-retata GdF, arrestato anche ‘ndranghetista bresciano

(red.) La maxi-retata antimafia arriva anche a Brescia. Durante l’operazione “Araba Fenice” condotta dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria, che ha portato all’arresto di 47 persone, è finito in manette anche un bresciano.
Si tratta di Angelo Casciano, originario della calabria ma da tempo residente nel Nord. L’uomo è accusato di essere un affiliato della ‘Ndrangheta, e di aver fatto da prestanome per le attività illecite della cosca Audino.
Dall’inchiesta è emerso, in particolare, uno stretto legame tra la famiglia di imprenditori edili dei Calabrò ed un boss della ’ndrangheta, Rocco Musolino. Il legame avrebbe tratto origine dall’interesse manifestato dalla famiglia Calabrò ad edificare un imponente complesso edilizio su un terreno di proprietà di Musolino nel quartiere reggino di Ravagnese, territorio controllato dalla cosca Latella-Ficara.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.