Quantcast

Brescia, espulsi quattro stranieri irregolari

(red.) La Questura rende noto, attraverso un comunicato, i recenti provvedimenti riguardo l’espulsione di stranieri irregolari: “Nei giorni scorsi sono stati ulteriormente intensificati i dispositivi di controllo del territorio volti, tra l’altro, al contrasto dell’immigrazione irregolare in città e Provincia, attraverso un’azione coordinata tra le forze di polizia”.

Nella sola giornata del 18 ottobre 2016 l’Ufficio Immigrazione della Questura, su provvedimenti del Questore, ha espulso ed accompagnato in frontiera, grazie anche al contributo dell’Arma dei Carabinieri, quattro cittadini stranieri irregolari: si tratta di una cittadina ucraina, un cittadino albanese, un cittadino tunisino e di un cittadino marocchino”.

In particolare l’albanese è stato rintracciato dal personale della Squadra Volante della Questura mentre si aggirava, di notte, tra le autovetture di sosta in zona stazione: è stato trovato in possesso di strumenti atti allo scasso, ma nei suoi confronti pendeva un provvedimento di revoca del permesso di soggiorno per profili di pericolosità sociale, essendosi già evidenziato per pregressi reati contro il patrimonio”.

Il cittadino marocchino, invece, è stato rintracciato dai Carabinieri di Darfo Boario: aveva ben due condanne per reati inerenti alle sostanze stupefacenti ed estorsione: anch’egli era destinatario del provvedimento di revoca del permesso di soggiorno con espulsione immeditata”.

Da ultimo, i Carabinieri di Cologne Bresciano hanno individuato un tunisino con diversi precedenti penali per reati in materia di stupefacenti, per aver prodotto documenti con una ditta fittizia e sottoposto a misura di prevenzione del divieto di ritorno in diversi comuni della Bassa Bresciana: il Questore gli ha revocato il soggiorno ed è stato avviato immediatamente al rimpatrio”.

Grazie ad una maggiore sinergia tra le forze dell’ordine su tutta la Provincia e ad un’analisi più accurata dei fenomeni criminali che destano maggiore allarme sociale, sono state allontanate dalla Provincia circa 270 persone altamente pericolose dall’inizio dell’anno, con un raddoppio dell’ esecuzioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.