Brescia, Bezzi e Associati spegne 25 candeline

Più informazioni su

(red.) Il 2014, anno del 25esimo anniversario di fondazione dell’agenzia di via Luigi Apollonio 13 a Brescia, si è aperto con grandi notizie per Bezzi e Associati. Nel 2013 l’agenzia mandataria di Cattolica ha registrato un aumento del 20% del proprio fatturato, un record di crescita mai raggiunto prima reso ancora più stupefacente vista la crisi economica che ancora non smette di decimare il settore assicurativo.
Lo straordinario risultato non è affatto frutto del caso: “Nel 2009 abbiamo iniziato un percorso con la riorganizzazione dei processi interni: di fronte alla contingenza negativa di mercato, dovuta soprattutto alla crisi economica globale, abbiamo voluto giocare d’anticipo per non essere travolti dai suoi effetti puntando a responsabilizzare i collaboratori e dare maggior soddisfazione al cliente – spiega Andrea Bezzi, marketing manager dell’agenzia -. Sono finiti i tempi in cui i rendimenti erano elevati e si raggiungevano ottimi risultati quasi prescindendo dal modello organizzativo e dalle capacità imprenditoriali in gioco. Oggi nessuna struttura agenziale, secondo noi, può prescindere da un’approfondita riflessione sulle proprie modalità organizzative, e così noi abbiamo fatto. I numeri ci hanno dato ragione perché il 2013 è stato il nostro miglior anno di sempre registrando un + 20% sul fatturatoraggiunto grazie al costante incremento della qualità dei servizi offerti ai nostri clienti.
La riorganizzazione interna ha permesso di tracciare e normare tutti i processi dell’agenzia.
Grazie a questo lungo lavoro nel 2014 a Bezzi e Associati è stata riconosciuta la Certificazione di qualità Iso 9001. Questa importante certificazione, conseguita da pochissime agenzie assicurative in Italia, garantisce un sistema di gestione qualità che testimonia un modo di operare ispirato ai valori di efficienza, trasparenza e affidabilità.“Noi lavoriamo sulla qualità, elemento imprescindibile per avere una gestione economica profittevole, abbinata ad un servizio realmente percepibile dal cliente” commenta il fondatore dell’agenzia Claudio Bezzi.
Ma con 25 anni di esperienza sulle spalle, come si guarda ai prossimi 25 nel campo assicurativo a Brescia? “La nostra idea oggi è quella di beneficiare di accordi con professionisti del brokeraggio per far crescere una collaborazione più stretta che già oggi esiste – prosegue Claudio Bezzi -. È una scelta strategica non da poco per la nostra prospettiva futura, considerando che secondo le previsioni nei prossimi 10 anni, nel mercato italiano, sopravvivranno solo le agenzie strutturate e organizzate. Per il futuro, inoltre, punteremo ancora di più sulla formazione dei nostri operatori, ma soprattutto metteremo a frutto il grande lavoro di organizzazione interna che abbiamo fatto negli ultimi anni”.
Per “festeggiare” degnamente questi importanti risultati, Bezzi e Associati ha deciso di diventare sponsor dell’edizione 2014 del festival “Le X Giornate” sostenendo la cultura nella nostra città e contribuendo alla diffusione di musica, teatro e letteratura di alto livello.
L’agenzia, una volta spente le candeline per il suo primo quarto di secolo, è approdata anche su alcuni Social Network, in particolare Facebook e Linkedin, una scelta non usuale per una realtà assicurativa tradizionale. “Mi sono confrontato molto con l’estero” spiega Andrea Bezzi “in America moltissime agenzie già lo fanno. Abbiamo però deciso che dobbiamo essere online in un certo modo, ponderato e professionale per non subire una perdita di visibilità dato che tutto oggi passa dal web e, a tendere, sempre più dai Social Network. Facebook in particolare viene sempre più percepito come un motore di ricerca. Attraverso la nostra pagina abbiamo scelto di fare informazione: creeremo delle pillole assicurative per spiegare sia peculiarità delle polizze assicurative che per suggerire come comportarsi in certe situazioni. Linkedin, invece, lo utilizzeremo come canale per cercare collaboratori validi a far crescere l’azienda”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.