Eredi Gnutti, tecnologie per la qualità di laminati e barre

Più informazioni su

(red.) Dallo scambio di know how tra la controllata veneziana Ilnor e la capogruppo Eredi Gnutti Metalli i nuovi investimenti tecnologici a Brescia nel settore sia dei laminati industriali sia delle barre in ottone.
Nel mirino del Gruppo EGM (Eredi Gnutti Metalli) c’è anche la qualità di prodotto con due nuovi investimenti tecnologici per migliorare ulteriormente gli standard qualitativi. Gli interventi coinvolgono sia il settore dei nastri industriali in rame e sue leghe, di respiro internazionale, sia le barre in ottone rivolte maggiormente al mercato domestico.
Con un investimento di circa mezzo milione di euro, sono infatti stati avviati due sistemi evoluti di controllo della difettosità superficiale per garantire la massima qualità del prodotto, fattore strategico tanto per il mercato nazionale quanto estero.
«E’ stato fondamentale – spiega Claudio Pinassi, direttore generale di Eredi Gnutti Metalli – l’apporto delle conoscenze che la controllata Ilnor aveva nell’ambito del controllo qualità dei laminati industriali. Lo scambio del know how intra-gruppo è per noi un asset strategico almeno quanto la capacità finanziaria necessaria per attuare investimenti utili ad essere competitivi sui mercati nazionali ed esteri».
E’ stato installato un sistema di ispezione superficiale per la rilevazione in continuo dei difetti sull’intera superficie del nastro, quali graffi, macchie o ammaccature. La qualità totale è così garantita da un’ispezione e un monitoraggio in tempo reale grazie a sensori ottici intelligenti e ad alte prestazioni.
L’investimento avvalora il percorso industriale iniziato nel 2010 con l’acquisizione di Ilnor SpA (e della controllata tedesca Ilnor Gmbh) e proseguito nel 2012 con la milanese Dalmet SpA per diversificare il business nel settore dei laminati industriali in rame e sue leghe, affiancandolo a quelli più tradizionali delle barre in ottone e dei laminati commerciali per l’edilizia.
Le conoscenze acquisite negli anni proprio dalla controllata Ilnor nel settore specifico dei laminati industriali sono state estese con successo anche nella divisione delle barre, ovvero il prodotto storico della Eredi Gnutti Metalli, dando forza e ragione a quelle sinergie intragruppo che stanno alla base del processo di acquisizioni.
Dopo la realizzazione del nuovo laminatoio sbozzatore a caldo, entrato in funzione dal marzo 2013, l’azienda ha infatti deciso di rinnovare anche le linee di trafilatura delle barre di ottone con l’adozione di sistemi di controllo difetti di ultima generazione con raffinate tecniche di misurazione laser garantendo un’elevata e costante qualità.
A valorizzare ulteriormente l’investimento è il fatto che l’innovazione porta un marchio interamente italiano e, in particolare, bresciano: quello della società Q-Tech di Rezzato (Brescia).
Tale tecnologia, inoltre, garantisce una qualità ed una tracciabilità del processo produttivo in un settore, quello della barra d’ottone trafilata, che pone costantemente requisiti qualitativi sempre più stringenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.