Quantcast

Vescovo e sindaco celebrano i “giusti”

(red.) Due le iniziative in città in occasione della seconda edizione della “Giornata europea dei giusti”,  giovedì 6 marzo.
Alle 11 al parco Tarello si terrà la cerimonia di proclamazione dei giusti. Saranno presenti il sindaco di Brescia Emilio Del Bono, don Damiano Modena, saggista e segretario personale del cardinal Martini, padre Rosino Gibellini, teologo e direttore letterario della casa editrice Queriniana, Francesco Cataluccio, saggista e scrittore, Maria Rita Parsi, membro del comitato Onu per i diritti del fanciullo e Francesca Nodari, filosofa e presidente dell’associazione culturale Filosofi lungo l’Oglio.
Le figure celebrate quest’anno sono il cardinale Carlo Maria Martini per la sua opera di dialogo con tutte le religioni e con il pensiero laico, Dietrich Bonhoeffer, teologo luterano, simbolo della resistenza tedesca contro il nazismo e Janus Korczak, ebreo polacco, educatore e medico, fondatore della Casa dell’Orfano di Varsavia, morto nel campo di sterminio nazista di Treblinka. Con Korczak verrà ricordata Sissel Vogelmann, bambina di otto anni simbolo di tutti i bambini uccisi nei campi di concentramento. Come è consuetudine, sarà piantato un albero per ognuna delle persone celebrate.
Alle ore 18, nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia si terrà una tavola rotonda dal titolo “Carlo Maria Martini: un uomo giusto”. All’incontro prenderanno parte il sindaco Emilio Del Bono, monsignor Luciano Monari, Vescovo di Brescia, Rav Giuseppe Laras, presidente del Tribunale Rabbinico del Centro-Nord Italia,  e rabbino capo di Ancona, Maris Martini Facchini, sorella del Cardinale Martini; Marco Garzonio, giornalista e saggista; Don Damiano Modena, saggista e segretario personale del cardinal Martini, Arnoldo Mosca Mondadori, editore e poeta, Tonino Zana, giornalista e Francesca Nodari,  filosofa e presidente dell’associazione culturale Filosofi lungo l’Oglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.