Quantcast

Volley, Brescia batte Mirandola 0-3

(red.) «Sapevamo che sarebbe stato un campo difficile, ma eravamo convinti di potercela fare». Commenta così a fine match il capitano della Centrale McDonald’s Paolo Crosatti. Campo difficile non per l’avversaria, Mirandola, tecnicamente e fisicamente squadra più debole di Brescia, ma per il palazzetto lungo e con luci fastidiose. Questa Centrale quest’anno, però, è più forte delle condizioni ambientali, è più forte della storia che la precede. Dopo anni di sconfitte nella palestra modenese, i biancoblù cancellano anche il tabù Mirandola.
I bresciani tornano a casa con un 3-0 secco e tre punti che consolidano il loro secondo posto in classifica. Grazie al 3-2 di Motta contro —- il distacco con la capolista diventa di soli 4 punti: «Guardiamo a noi e non a quello che fanno gli altri- dice l’allenatore Roberto Zambonardi-. Motta è un’ottima squadra, quattro punti rimangono comunque tanti».
La Centrale McDonald’s archivia la pratica Mirandola, con due set sicuri vinti in scioltezza e il terzo e ultimo parziale recuperato sul finale da un ottimo Paoletti, e si prepara alla prossima trasferta contro Trento, sabato alle 17: «Sarà una partita difficile-conclude Zambonardi-, Trento è una squadra molto giovane e combattiva».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.