Quantcast

Il vino della Valtènesi si rifà il look

(red.) Rafforzare l’unità dei produttori per consolidare la nuova identità del territorio: questa la strategia per il 2014 del Consorzio Valtènesi presieduto da Alessandro Luzzago. Si parte con il nuovo depliant istituzionale ed una nuova immagine. Il Consorzio Valtènesi inaugura il nuovo anno con un intenso programma finalizzato alla valorizzazione della denominazione, giunta nel 2013 alla sua terza vendemmia.
“Il 2014 dell’organismo consortile – si legge in una nota –  sarà caratterizzato da un percorso che punta ad affermare l’identità del territorio e del suo vino, attraverso una più mirata strategia promozionale ed un rinnovamento dell’immagine. Obbiettivo primario del nuovo presidente, che con il nuovo Cda è all’opera da sei mesi, è soprattutto il consolidamento dell’unità fra i produttori, attraverso una serie di azioni mirate a rafforzare il senso di appartenenza alla doc”.
“Nel 2013 – dichiara Luzzago – abbiamo inagurato la nuova sede, quest’anno lavoreremo per realizzare una cartellonistica istituzionale che finalmente segnali la Valtènesi come territorio enoico. Stiamo inoltre stabilendo rapporti molto promettenti con la ristorazione locale più attenta alla qualità e all’identità di zona. Altre novità importanti arriveranno dall’ormai prossimo Vinitaly: stiamo lavorando per raggruppare a Verona un più ampio numero di cantine in un unico stand comune, allo stesso tempo consortile ed aziendale. Il Consorzio punta in questa occasione a partecipare alla fiera con una presenza il più possibile compatta”.
Ulteriori segnali di rinnovamento dell’immagine del Consorzio arrivano anche dal nuovo depliant istituzionale che punta sulla “doppia anima” del vino locale: una personalità cromatica simboleggiata da due calici che rimandano al rosa del Valtènesi Chiaretto ed al rosso del Valtènesi doc. “La novità è che per la prima volta tutti i produttori hanno voluto metterci la faccia presentandosi in prima persona – conclude Luzzago -. Anche questa scelta rispecchia la volontà di presentarci sotto il segno di una rinnovata coesione”. Nel corso dell’annata saranno rispettate le ormai tradizionali scadenze promozionali, dall’uscita ufficiale del Valtènesi Chiaretto 2013 (prevista come sempre per il 14 febbraio, giorno di San Valentino) all’appuntamento con Italia in Rosa a Moniga fissato per il primo weekend di giugno, al classico evento di fine vendemmia con Profumi di Mosto. La programmazione verrà tuttavia arricchita con nuove iniziative di carattere culturale, sociale o legate a tematiche ambientali, per mettere in rete il Consorzio Valtènesi con le più positive istanze e realtà territoriali. Un altro asse sul quale si articolerà l’attività consortile è quello legato alla ricerca ed agli studi sul Groppello oltre che sulla caratterizzazione dei Chiaretti, che puntano al costante miglioramento qualitativo della produzione attraverso la condivisione dei risultati tra gli associati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.