Panificatori, incontro tra artigiani e Lega per la nuova proposta di legge

(red.) Osservazioni e proposte di modifica in relazione al progetto di legge “in materia di promozione e tutela delle attività di panificazione”.
Sono quelle che il presidente dell’Associazione Artigiani di Brescia, Enrico Mattinzoli e il presidente del Sindacato Panificatori Francesco Mensi hanno presentato ai consiglieri regionali Massimiliano Romeo, primo firmatario, e al bresciano Fabio Rolfi. Al centro dell’incontro alcuni dei temi cari ai panificatori tra cui la necessità di avere un responsabile tecnico individuabile per ogni laboratorio e quella di indicare come operaio specializzato di livello uno il personale specifico addetto alla panificazione, ma anche di specificare meglio la visibilità sui prodotti della data di effettiva produzione.
Aprendo l’incontro il presidente dell’Associazione Artigiani Enrico Mattinzoli ha in primo luogo sottolineato la bontà complessiva dell’impianto della proposta di legge che si muove nella direzione che da sempre auspicavano i panificatori bresciani. «Per noi il consumatore deve sapere cosa acquista e deve poter conoscere e riconoscere la differenza tra pane fresco e pane che può durare più a lungo». Per Mattinzoli quella instaurata con i consiglieri regionali della Lega Nord è «una buona prassi del confronto sulle leggi quando sono a livello di proposta. Oggi ne parliamo con i panificatori ma domani saranno altre le categorie coinvolte».
Il presidente dei panificatori Mensi ha evidenziato come oggi la categoria sia alle prese con prodotti contraffatti che arrivano dall’estero: «Ci sono container di pane congelato che arrivano dall’est europeo e che vengono spacciati per freschi. Una pratica che danneggia noi e che mette a rischio la salute». Rispondendo ai panificatori Fabio Rolfi ha sottolineato l’importanza del confronto diretto con le categorie: «Noi ci vogliamo confrontare perché il progetto di legge ha bisogno di essere arricchito ascoltando i diretti interessati e l’abbiamo dimostrato venendo qui in passato anche con il Segretario Maroni. Il nostro obiettivo è quello di offrire la massima chiarezza al consumatore per fare in modo che non venga tratto in inganno come talvolta capita.Per questo – ha proseguito Rolfi – abbiamo in animo di lanciare le produzioni tipiche da forno lombarde”. Riferendosi all’incontro poi ha spiegato come “le osservazioni dei panificatori ci sono sembnrate in linea con la nostra filosofia di panificazione».
In chiusura il capogruppo Romeo ha preso l’impegno di «passare dalle parole ai fatti e fare in modo che in controlli vengano fatti, che leggi giuste non restino solo sulla carta». In particolare ha proposto «l’attivazione di un progetto particolare per stimolare le polizie locali a fare quello che ci serve. Il buoni presupposti ci sono tutti».

 

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.