Quantcast

Da Brescia alla marcia contro gli abusi di psicofarmaci sui bambini

Più informazioni su

(red.) Anche da Brescia, una delegazione di membri del CCDU, genitori, associazioni e cittadini preoccupati, sarà presente a Milano il 7 giugno al corteo di protesta contro gli abusi di psicofarmaci sui bambini in occasione del 4° congresso mondiale sull’ADHD di Milano.
In Italia 70 bambini all’anno sono sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio, 6.000 bambini all’anno vengono ricoverati in psichiatria, 40.000 bambini sono “ospitati” in strutture residenziali per minori, più di 60.000 bambini vengono trattati con psicofarmaci.
“Sempre più bambini”, si legge in una nota, “vengono diagnosticati con ADHD e subiscono una pesante cura farmacologica a base di stimolanti anfetaminici, e non sono pochi quelli che in seguito vengono diagnosticati bipolari e trattati con antipsicotici”.
Dal 6 al 9 giugno si tiene a Milano il 4° congresso mondiale di ADHD dal titolo eloquente: “ADHD – da disturbo dell’infanzia a disturbo degli adulti”. Sponsor principale del convegno: Shire AG; sponsor maggiore: Eli Lilly and Company; sponsor generali: MEDICE Arzneimittel Pütter GmbH & Co. KG, SensoDetect AB (publ), Vifor Pharma e Wisepress Ltd. Il loro obiettivo è quello di scatenare uno tsunami mediatico terroristico che conduca a maggiori screening scolastici, maggiori diagnosi e maggiori prescrizioni.
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani organizza una manifestazione “contro questa vergogna”, il 7 giugno a Milano, ore 14 in piazzale Damiano Chiesa (zona Fiera) – manifestazione che terminerà davanti alla sede del congresso.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.