Quantcast

Fondazione Berlucchi, premiata giovane ricercatrice bresciana

Più informazioni su

(red.)  Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Guido Berlucchi Onlus, presieduto da Alessandro Paterlini, ha esaminato i risultati del lavoro svolto dal Comitato tecnico scientifico, guidato dal prof. Ermanno Ancona, per l’assegnazione dei Premi alla Ricerca e delle Borse di studio intitolate dalla memoria del fondatore, Guido Berlucchi.
Il bando 2013, dedicato ai “Trattamenti integrati nel carcinoma del polmone (non a piccole cellule)”, ha visto pervenire 60 richieste di finanziamento da parte di ricercatori “senior”, tra le quali il Comitato tecnico scientifico ha selezionato i cinque progetti premiati quest’anno. Molto numerosi (ben 134) anche i progetti presentati dai giovani ricercatori autori di pubblicazioni scientifiche, che la Fondazione premia con otto borse di studio.
La cerimonia di premiazione è in programma il 24 giugno nella sede di Palazzo Lana Berlucchi a Borgonato.
Tra i progetti di ricerca un riconoscimento va al direttore del dipartimento di Medicina molecolare dell’Università di Brescia, prof. Silvano Sozzani, e al suo studio sui Modelli pre-clinici sul ruolo dell’asse ChemR23/Chemerina nella progressione del carcinoma squamoso del polmone.
Vengono premiati anche Girolama Condorelli dell’Università di Napoli (Terapie innovative basate sull’utilizzo di non coding RNA), Paola Maria Perego (Identificazione di combinazioni per il trattamento integrato del carcinoma polmonare in modelli pre-clinici), Daniele Santini  del Campus biomedico Policlinico universitario di Roma (Modelli cells-on-chip per lo sviluppo di terapie integrate basate su immunoterapia tramite polarizzazione macrofagica) e Mauro Giulio Papotti dell’Università di Torino (Analisi patologia e molecolare di ri-biopsie per rimodulare la terapia sistemica del carcinoma polmonare).
Tra gli otto giovani ricercatori selezionati per le borse di studio della Fondazione figura anche la bresciana Elena Bazzoli, dottoranda in Neuroscienze all’Università di Verona. Gli altri premiati sono: Valentina Guarneri (Università di Modena), Debora Macis (Ieo Milano), Marco Montagner (Università di Padova), Francesco Niola (Fondazione Istituto Italiano Tecnologia – Genova), Carmelo Nucera (Università Cattolica – Roma), Matteo Puntoni (Ospedali Galliera – Genova), Elisa Rumi (Irccs San Matteo – Pavia).
Inoltre, grazie alla generosità del comm. Eugenio Bodini, è stato possibile assegnare una borsa di studio a un altro giovane ricercatore, il dott. Marcello Tiseo.
“Da oltre dieci anni, la Fondazione Guido Berlucchi sostiene con importanti risorse la ricerca scientifica nella lotta contro il cancro con impegni onerosi mai venuti meno neppure in questi anni difficili – sottolinea il presidente della Fondazione Guido Berlucchi, Sandro Paterlini –. Ma il nostro obiettivo si focalizza anche sulla concreta partecipazione al Comitato Interaziendale per le Cure Palliative dell’Asl di Brescia, con la prospettiva di un coinvolgimento più ampio a livello nazionale attraverso il ministero della Salute. Recentemente inoltre, nell’ottica di una più stretta ed efficace collaborazione tra le realtà no-profit del territorio, Fondazione Berlucchi e Fondazione Beretta hanno deciso di unire le forze per finanziare con una borsa di studio quinquennale la Scuola di Specialità in Oncologia Medica ad un giovane specializzando”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.