Quantcast

Volley A2, Sanitars mette all’angolo il Casalmaggiore

(red.) Nella quinta giornata d‘andata, la Sanitars Metalleghe Mazzano (volley A2 femminile) incontra la fortissima Pomì Casalmaggiore, riuscendo quasi a metterla in un angolo: dopo una brutta partenza, infatti, le bresciane mostrano di che pasta sono fatte, recuperano, sfiorano il tie break ma poi cedono per 3-1. “Si, siamo partite al rallentatore, poi siamo riuscite a sviluppare il nostro gioco, dimostrando che quando tutte ci comportiamo bene possiamo veramente essere pericolose – ha dichiarato il libero delle biancorosse, Silvia Agostino -. Peccato aver perso e non essere riuscite a fare punti, ma torneremo presto a vincere anche perché, nei momenti decisivi, siamo molto più concrete rispetto al passato. Sono fiduciosa”.
Nel primo set le padrone di casa partone bene ed è subito 5-3: funziona il gioco da posto 4 e il gioco al centro e al primo time out tecnico è sempre Mazzano a comandare per 8-7. Casalmaggiore, però, non demorde e con Zago e Beier si porta prima sul 12-12 e poi scappa avanti per 16-13. Esce capitan Serena, entra Martini, ma le “pantere” non se ne curano, continuando a macinare punti fino al 25-18. Nel secondo set la Sanitars Metalleghe parte di nuovo bene con gli attacchi di Martini e l’ace di Kucerova, ma quando Bacchi va a muro le cose si complicano. Koleva, allora, prende nelle proprie mani le redini del gioco e ed è 8-4 per le bresciane. Le casalasche, però, reagiscono con Zago al servizio ed è di nuovo 9-9. Si gioca sul filo dell’equilibrio fino al 20-20, poi Zago e Bacchi salgono in cattedra e Casalmaggiore torna a spadroneggiare fino al raggiungimento del 25-22. Nel terzo set, dopo l’iniziale 4-4, è la squadra ospite a guadagnarsi il primo time out. Con Koleva Mazzano si rimette in carreggiata, scappando sul 10 pari e poi superando le avversarie per 14-12 grazie al muri di Garbet e alle schiacciate di Kucerova. La gioia delle locali, però, dura poco. Qualche imprecisione in ricezione e un paio di muri delle “pantere” costano cari alle bresciane: è 22 pari, e il finale si fa teso. Si continua a lottare fino al 26-26, ma la solita Koleva lascia il segno ed è 28-26 per le locali. Il quarto set è combattutissimo fin dai primi palloni, e la situazione si sbocca solo dopo il 7 pari: Koleva e Alberti portano il Mazzano prima sul 10-8 e poi sul 18-12. Casalmaggiore non demorde, rimane vicinissimo (21-20), poi mette il turbo e sfruttando gli errori in attacco delle biancorosse, vince anche il terzo set per 26-24.

Santitars Metalleghe Mazzano 1 Pomì Casalmaggiore 3  (18-25,22-25,28-26, 24-26).
Santitars Metalleghe Mazzano: Koleva 39, Martini 4, Alberti 9, Garbet 6, Vingaretti 2, Serena 2, Kucerova 9 Lib: Agostino. N.e.: Bacciottini, Zanola, Ceron, Bellini. All: Zanoni e Scatoli.
Pomì Casalmaggiore: Bacchi 14, Nardini 10, D’Ambros, Guatelli, Corna 3, Zago 23, Beier 14, Repice 11, Agrifoglio. N.e.: Olivotto, Malvestito, Nasari. Lib: Gibertini. Lib: Cuello e Bolzoni.
Arbitri: Christian Palumbo e Alessandro Perdisci.
Note: Durata singoli set: 26’,27’,33’,32’. Mazzano: 6 battute punto e 9 errori, 60% di positività in ricezione e 8 errori, 41% in attacco e 13 errori, 5 muri. Casalmaggiore: 7 battute punto e 4 errori, 63% di positività in ricezione e 6 errori, 50% in attacco e 12 errori, 8 muri.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.