Consigliera di Parità, un convegno per parlare di mobbing

(red.) Il 12 novembre, presso la Sala Assemblee della Provincia di Brescia (Via Milano 13), a partire dalle  9, si tiene  il seminario organizzato dalla Consigliera di Parità  Anna Maria Gandolfi e da Associazione Comuni Bresciani :”Organismi di parità nelle P.A.: L’efficienza delle relazioni per il benessere organizzativo e produttivo”.
Interverranno, oltre alla Consigliera,di Parità e Veronica Zampedrini per ACB ,l’Avv Aldo Monea,giurista, Drssa Daniela Bandera ,sociologa del lavoro e dell’organizzazione e il prof Harald Ege ,presidente di PRIMA, Associazione Italiana contro il Mobbing e Stress psicosociale di Bologna.
In base ad una ricerca condotta dal Prof Ege ,il 38% delle vittime intervistate su 301, provengono dal settore industria di bene/servizi e oltre il 21% dalla pubblica amministrazione .Il prof Ege presenterà il fenomeno mobbing illustrando il “Modello Italiano Ege” da lui suddiviso in 6 fasi.
Il Mobbing è un fenomeno molto diffuso: viene definito “terrore psicologico sul posto di lavoro” e implica tutta una serie di comportamenti aggressivi e persecutori che uno o più colleghi, superiori o sottoposti, possono indirizzare verso un loro compagno di lavoro “scomodo”, antipatico o, a loro parere, da eliminare in qualche modo. Il Mobbing può essere esercitato da singoli colleghi(12%),dal capo che ha una posizione superiore (58%), dal capo coadiuvato dai colleghi(30%). Il Mobbing attraversa varie fasi, cominciando dal conflitto quotidiano e terminando spesso con l’uscita della vittima dal mondo del lavoro. Secondo la ricerca condotta dall’Autore, le vittime del Mobbing in Italia provengono prevalentemente dall´industria privata e dall’amministrazione pubblica e sono generalmente persone non più giovani:il 48% dei mobber si colloca tra i 41 e i 50 anni. L’incontro è aperto a tutti i componenti gli organismi di parità delle realtà lavorative pubbliche e private ed è gratuito. Iscrizioni a info@acbservizi.it

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.