Quantcast

Desenzano del Garda, niente sosta in via Giotto

(red.) Nuova ordinanza a Desenzano del Garda, in provincia di Brescia. Nella zona di via Giotto – via Michelangelo gravitano i plessi della scuola primaria “Laini” e delle secondarie “Catullo”, “Bazoli-Polo” e “Caterina De’ Medici”, per un totale di oltre 2.600 studenti. Negli orari di ingresso e di uscita, spiega una nota del municipio, il traffico aumenta fino a presentare aspetti di disagio e pericolo. La situazione più critica è quella del tratto di via Giotto prossima all’Istituto “Bazoli-Polo”, all’ingresso del piccolo parcheggio a servizio della scuola “Laini”.
Una prima soluzione, contenuta nell’ordinanza della Polizia Locale dell’11 ottobre, prevedeva il divieto di fermata su entrambi i lati della via, nel tratto compreso tra via Carlo Porta e la rotatoria dove ha inizio via Michelangelo. Dopo un periodo di osservazione delle criticità risolte e di quelle ancora presenti, l’amministrazione comunale ha ritenuto di intervenire con una nuova ordinanza, che verrà emessa nei prossimi giorni, per mantenere il divieto di fermata sul lato destro in direzione Rivoltella-Desenzano. E’ da ricordare, prosegue il comunicato, che il Codice della Strada distingue tra “fermata”, consentita per fare scendere e salire una persona, e “sosta”, che è il vero e proprio parcheggio. Sul tratto interessato il divieto di sosta vige dal 1991. L’assessore Rodolfo Bertoni precisa che sono allo studio altre ipotesi per garantire – nell’ordine – la sicurezza, la viabilità e la praticità d’uso dei parcheggi da parte di tutti gli utenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.