Quantcast

Karate, alla Munen Desenzano il “Trofeo Progetto Do”

Più informazioni su

(red.) La Munen Desenzano è la vincitrice della quattordicesima edizione del “Trofeo Progetto Do”, gara di karate tradizionale a carattere regionale che si è svolta nel pomeriggio di sabato 27 ottobre nel palazzetto dello sport di Rodengo Saiano. Una manifestazione, quella organizzata dall’Hiroshi Shirai di Rodengo Saiano e dall’Aics con il patrocinio della locale Amministrazione comunale, che ha confermato una volta di più il prestigio acquisito in questi anni e la capacità di rappresentare un vero e proprio punto di riferimento nel campo delle arti marziali. In effetti la competizione franciacortina non è solo un momento di agonismo di elevato livello. E’ anche l’occasione privilegiata per dimostrare e trasmettere le tecniche del karate tradizionale e preparare sempre di più quelli che saranno i karateki del futuro. Un dosato mix di stimoli e di motivi di interesse che anche in questo appuntamento 2012 non ha mancato di regalare emozioni e sorprese, conquistando a più riprese il convinto applauso del folto pubblico presente. La classifica riservata alle società ha così visto il successo del sodalizio desenzanese, che ha saputo precedere rivali di assoluto prestigio guidate dai padroni di casa dell’Hiroshi Shirai e dal Treviglio. In ogni caso, come è stato ricordato durante le premiazioni finali, che hanno visto la partecipazione dei maestri Giovanni Ferrari e Francesco Bonometti dell’Hiroshi Shirai, della presidente provinciale Mara Boldini e del responsabile di settore Eligio Contarelli per l’Aics e del sindaco Giuseppe Andreoli e dell’assessore allo sport Paolo Gelfi per il Comune di Rodengo Saiano, sono stati numerosi i validi e promettenti protagonisti posti in bella evidenza del “Trofeo Progetto Do”, una autentica festa per il karate tradizionale che può guardare avanti con la fondata convinzione di continuare a crescere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.