Quantcast

A Desenzano bambini felici in ospedale con il progetto Dutur Kaos

Più informazioni su

(red.) A partire dal 7 ottobre scorso l’Azienda Ospedaliera di Desenzano (Brescia) ha avviato una collaborazione con l’Associazione Dutur Kaos che prevede la presenza, presso il Reparto di Pediatria dell’Ospedale di Manerbio, di numerosi volontari, che vestiti con camici bianchi rallegrati con tanti disegni colorati, offrono momenti di serenità ed evasione ai bambini ricoverati e ai loro genitori.
La dr.ssa Sottiletta, la dr.ssa Maga Magò, il dr. Abbraccio, il dr. Krusty e tanti altri medici-clown intrattengono i piccoli degenti dalle ore 15 alle 17 di ogni domenica pomeriggio, quando l’attività sanitaria è ridotta, con giochi di prestigio, magie, palloncini colorati, bolle di sapone e con la lettura di libri illustrati, fiabe e filastrocche. L’Associazione Dutur Kaos, presieduta da Massimo Manfrini (dr. Valvola), ha sede a Montichiari ed opera dal 2002 grazie a 88 associati che, in modo del tutto gratuito, hanno deciso di dedicare parte del loro tempo libero ai bambini ricoverati nei reparti di Pediatria degli Ospedali locali con l’obiettivo di alleviare situazioni di difficoltà tramite la comicità ed il riso.
I volontari seguono un corso di formazione iniziale della durata di 12 lezioni – che prevede incontri con psicologi, psicoterapeuti, infermieri, mimi, maghi e giocolieri – fondamentale per acquisire le corrette modalità di approccio ai reparti ospedalieri e ai bambini e per affinare gli aspetti del gioco che prediligono e che intendono impiegare nella loro attività di volontario. Oltre al corso iniziale ogni associato partecipa inoltre, una volta al mese, ad una serata di formazione sulle tecniche di gioco e di intrattenimento. L’attività dei medici-clown di Dutur Kaos si affianca all’attività dei volontari ABIO (Associazione Bambino In Ospedale) che da tempo opera a favore dei piccoli ricoverati presso la Pediatria di Manerbio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.