Quantcast

A2A al “Festival dell’energia” di Perugia

Più informazioni su

(red.) Sarà una vetrina del futuro, di quello sostenibile, fatto da un’economia ‘verde’ e a basso contenuto di carbonio: prende il via questo venerdì il “Festival dell’energia”, in scena a Perugia fino al 17 giugno.
Tema chiave di questa edizione della kermesse, promossa da Aris (Agenzia di ricerche informazione e società) in partnership con Federutility (Federazione che riunisce le imprese energetiche e idriche) e realizzato insieme al comune di Perugia e la regione Umbria, sarà ‘Energia per ripartire’: tra le proposte del ricco programma si parlerà soprattutto di innovazione, rinnovabili, smart cities, delle nuove professioni in ambito energetico, dell’impatto del management femminile, di efficienza e di mobilità. Tra gli appuntamenti da segnalare: un dibattito su come leggere la bolletta e orientarsi tra le proposte del mercato, organizzato dalla società pubblica Acquirente Unico spa e da FederUtility; ‘Energia in rosa’, un incontro in cui si parlerà non solo di ‘quote rosa’ nelle imprese energetiche ma anche di maggiore efficienza quando il board ha una buona presenza femminile. Per il grande pubblico e per i più piccoli, una serie di appuntamenti di divulgazione e intrattenimento come la caccia al tesoro per vincere il titolo di ‘piccolo risparmiatore energetico’ e il gioco di ruolo ‘energia al bivio’, oppure ‘pedalando nel mondo dell’energia, o con un test drive di due auto ‘rivoluzionarie’ nei consumi (una Renault Twizy, ed una non ancora in commercio alimentata a idrogeno).
Il Festival di quest’anno (presente anche su Facebook e twitter, con il lancio dell’hashtag ‘latuaenergia’) e’ sostenuto da alcuni sponsor, tra cui Acea, Edison, Gdf Suez, Repower, Terna, la multiutility di Brescia e MIlano A2A, Daikin, Gruppo Hera, Renault, Sienergia, Terrae, Ericsson, Errenergia, Genera, Pwc, Umbria Trade Agency.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.