Mille studenti bresciani per il progetto “No smoking be happy”

Più informazioni su

(red.) Il fumo fa male. Non è un’affermazione nuova, ma occorre ribadirla con forza, soprattutto alle nuove generazioni, attratte dalla sigaretta fin, purtroppo dalla più tenera età.
Con il progetto “No smoking be happy”, portato avanti dalla Fondazione Umberto Veronesi e sostenuto dalla Provincia di Brescia e da Ubi Banca, da lunedì prossimo, e fino alla fine del mese, gli studenti bresciani delle scuole superiori potranno conoscere e sperimentare da vicino, attraverso laboratori specifici, gli effetti dannosi e anche letali del fumo.
In Italia ci sono 12 milioni di fumatori e ogni anno, per patologie strettamente legate al fumo, ne muoiono 80 mila. Sono mille gli studenti della nostra provincia coinvolti nel progetto esteso a livello nazionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.