Quantcast

Gussago, al via la raccolta dei rifiuti organici

Più informazioni su

(red.) Nel comune di Gussago (Brescia) prende il via nel prossimo mese un nuovo progetto, ovvero l’attivazione del servizio di raccolta della Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani (FORSU). Al fine di ridurre la quantità dei rifiuti indifferenziati, tutto il rifiuto organico che sarà raccolto separatamente in cassonetti marrone, verrà poi conferito ad un impianto di compostaggio a Bagnolo Mella.
Per aumentare la percentuale di raccolta differenziata, oggi al 41%, comunica in una nota l’assessore all’Ecologia Laura Negrini, “l’amministrazione comunale di Gussago installerà nel mese di novembre sul proprio territorio sessanta cassonetti marroni, 50 da 2,4 metri cubi e 10 da 3,2 metri cubi dove i cittadini dovranno gettare i rifiuti organici”.
La campagna di informazione inizierà in piazza Vittorio Veneto (area mercatale) il prossimo sabato 22 ottobre con uno stand dell’Aprica, società che ha in gestione la raccolta dei rifiuti, e proseguirà nei due sabato successivi (29 ottobre e 5 novembre).
Il comune ha programmato anche due incontri pubblici rivolti ai cittadini; il primo si terrà lunedì 24 ottobre 2011 alle 20,30 presso la Sala Civica comunale e il secondo venerdì 4 novembre presso la Sala del Centro Padre Marcolini.
Inoltre, ai cittadini di Gussago è stata inviata a domicilio una lettera, che riceveranno nei prossimi giorni, che li informa sull’iniziativa; allegata alla lettera vi è il calendario degli “Info Point” previsti sul territorio comunale, dove i cittadini potranno ritirare gratuitamente il kit necessario per raccogliere in maniera igienicamente corretta, i rifiuti organici in casa prima del conferimento nel cassonetto; il kit è costituito da un cestello marrone e da sacchetti di Mater-Bi cioè plastica biodegradabile. I gussaghesi riceveranno inoltre un opuscolo informativo che spiega in modo dettagliato le modalità della raccolta dell’organico e un vademecum che precisa dove gettare gli altri prodotti di scarto come mobilia, elettrodomestici, pile, carta in genere e vetro.
“La raccolta differenziata dell’umido”, conclude così l’assessore Negrini, “potrà incrementare del 5-6% il valore dei rifiuti riciclabili. Ancora poco per raggiungere l’obiettivo del 70%. Il prossimo passo da compiere sarà quello di montare il sistema della “calotta” sui cassonetti grigi dello sporco”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.