Attenzione alle diete, possono deprimere

Più informazioni su

    cibo(red.) Alcuni ricercatori dell’Università di Montreal, a seguito di un recente studio, sono arrivati a sostenere che seguire determinate diete potrebbe privare l’organismo di alcune sostanze nutritive innescare fenomeni depressivi. E’ noto, infatti, che varie sostanze nutrienti possono influenzare i livelli del ormone dopamina, il famoso “ormone della felicità”, nel corpo, con ciò rendendo il cervello più vulnerabile a subire episodi di tristezza, ansia e depressione.
    I nutrienti non dovrebbero mancare nel nostro organismo, secondo lo studio, sono: la Vitamina C, equilibra l’umore così come mantiene elevati i nostri livelli di difesa; gli Omega-3 acidi grassi, che riducono i sintomi della depressione, oltre ad essere potenti riduttori del malefico colesterolo; la Vitamina D contribuisce alla sintesi della serotonina nel cervello che regola la domapina oltre l’umore, e i cicli sonno-veglia; acido folico, in assenza di attività del cervello il corpo diventa più pigro.
    Mentre quelle di seguito, sono sostanze nutrienti chiave da tenere a mente durante una dieta per evitare fenomeni depressivi: niacina, tiamina, zinco, ferro e vitamina E. Il responsabile dello studio citato, ha ricordato che anche i medici avvertono che è importante un equilibrato consumo di carboidrati, così come anche una moderata assunzione di zuccheri, grassi e caffè di notte.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.