Rinnovato per altri sei anni l’accordo tra comune di Brescia e Fai

Più informazioni su

(red.) Il Comune di Brescia e il Comitato Fai – Fondo per l’Ambiente Italiano – di Brescia hanno rinnovato l’accordo di collaborazione per la valorizzazione e la promozione del territorio bresciano siglato nel 2015, giunto a naturale scadenza lo scorso anno, che ora proseguirà per altri sei anni.
L’amministrazione comunale metterà nuovamente a disposizione del Comitato Fai l’immobile di piazza della Loggia 13/a, composto da un locale, da un retro negozio a piano terra e da una cantina al piano interrato. Lo stabile sarà utilizzato, come già in passato, come punto di accoglienza per i cittadini che vogliono contattare il Comitato Fai di Brescia e come sede operativa del Comitato Fai di Brescia e dell’associazione Amici del Fai.
Il Fai realizzerà e gestirà sei aperture straordinarie all’anno della sala Giureconsulti e del sottotetto di palazzo Loggia, del salone dei Cavalieri di palazzo Broletto e di palazzo Martinengo delle Palle, concordandole con il Comune. Nel corso del 2023, invece, saranno effettuate cinque aperture di palazzo Loggia, cinque del salone dei Cavalieri e cinque di palazzo Martinengo delle Palle.
Nello stesso anno, in concomitanza con gli eventi nazionali Fai (Giornate Fai di Primavera e d’Autunno, Mattinate Fai per le scuole), saranno effettuate aperture collegate con il programma dell’evento “Bergamo e Brescia Capitale italiana della cultura 2023”.
Sempre nel 2023 saranno inoltre organizzate almeno tre conferenze a tema artistico e culturale all’interno di spazi messi a disposizione dal Comune. Saranno previsti almeno dieci eventi culturali (conferenze, tavole rotonde, convegni, presentazione di libri, mostre), anche in collaborazione con realtà associative del territorio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.