Quantcast

Aab, sabato al via la seconda sequenza di “Ricognizioni”

In esposizione le opere di Roman, Signorini, Uberti, Venturi, Zuppelli, Andri, Baronio, Bassi, Bitonte, Brembati, Caffetto, Caprioli, Carucci, Colombo, Comba.

Più informazioni su

(red.) Dopo l’inaugurazione della prima sequenza avvenuta sabato 18 settembre, questo sabato 2 ottobre alle ore 18 presso la sede dell’Aab in vicolo Delle Stelle 4 a Brescia, si inaugura la seconda sequenza espositiva di “Ricognizione”, la mostra giunta alla sua XXV edizione. Protagonisti i lavori di Roman, Signorini, Uberti, Venturi, Zuppelli, Andri, Baronio, Bassi, Bitonte, Brembati, Caffetto, Caprioli, Carucci, Colombo, Comba. La seconda sequenza – a ingresso gratuito nel rispetto delle norme sanitarie – rimane aperta fino al 13 ottobre 2021 dal martedì alla domenica ore 16 – 19.30. La terza e ultima sequenza è in programma a partire da sabato 16 ottobre 2021.

Ricognizioni

“Torna – dopo un anno di sosta forzata – uno degli appuntamenti più tipici e più amati della vita di Aab”, informa una nota dell’associazione artisti bresciani. “La mostra dei soci la cui longevità indica il successo di questa rassegna, come pure la sua importanza nella vita di un’associazione che nel turbinoso anno 2020 ha tagliato il traguardo dei 75 anni di attività. La mostra collettiva riunisce quest’anno 45 artisti che presentano, nel complesso, 89 opere. Una partecipazione che ci conforta e che conferma quanto gli artisti, dopo un anno e mezzo di rallentamento e sospensione dell’attività espositiva a causa della pandemia, abbiano voglia di tornare a incontrare il proprio pubblico e di farlo nello spazio storico rappresentato dalla Sala del Romanino dell’Aab”.

Mario Refolo "La casa rosa"

“L’alta adesione ci ha indotto – per dare adeguato spazio a tutti – a scandire anche stavolta l’esposizione in tre sequenze, all’interno delle quali gli artisti sono riuniti e organizzati in ordine alfabetico (a partire, per il 2021, dalla lettera M per estrazione)”, prosegue il comunicato. “Anche quest’anno è prevista l’esposizione di alcune opere di un artista ospite. La scelta è doverosamente caduta sul compianto Nino Fortunato Vicari (che scelse un nome d’arte arioso e lieve: Refolo). Fu presidente dell’Aab nel lontano 1954 e la famiglia ha generosamente donato alla nostra Associazione alcune opere di Mario Refolo (nell’immagine “La casa rosa”) che rappresentano una bellissima pagina di arte bresciana. È innegabile che vedere riunite le opere di tanti nostri soci artisti è segno di un rinnovato slancio e indica quanta vitalità l’Aab sappia esprimere, quante forme d’arte sappia offrire a Brescia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.