Quantcast

Lattanzio Gambara, a Santa Giulia una mostra per (ri)scoprirlo

Si può visitare fino al 20 febbraio 2022 un'esposizione che, attraverso alcuni importanti prestiti, presenta a Brescia il pittore manierista in una versione inedita. Biglietto abbinato con la Pinacoteca.

(red.) Il recente acquisto da parte di Fondazione Brescia Musei di una pala d’altare per la collezione della Pinacoteca Tosio Martinengo, porta con sé un’inedita attribuzione a Lattanzio Gambara (1530-1574) e diventa occasione per un nuovo progetto espositivo, alla riscoperta di un pittore che ha saputo unire le più avanzate ricerche del Manierismo alle tradizioni locali. Il senso del nuovo. Lattanzio Gambara, pittore manierista, (20 novembre 2021 – 20 febbraio 2022 Brescia, Museo di Santa Giulia) a cura di Marco Tanzi, è una mostra-dossier che racconta la personalità eclettica del maestro bresciano: dalla sua produzione di affreschi con soggetti profani (strappati dalle case di corso Palestro a Brescia) fino alle opere, meno note, di soggetto sacro, tra cui Compianto su Cristo morto con i Santi Bartolomeo e Paolo (1570-74 circa), acquistato appunto da Fondazione Brescia Musei agli inizi del 2021 e ora, per la prima volta, presentato al pubblico.

Lattanzio Gambara "Compianto sul Cristo Morto"

Originariamente collocata nella Chiesa di San Bartolomeo a Brescia, la grande tela del Compianto andò dispersa a seguito delle soppressioni napoleoniche, e solo di recente è riapparsa nel mercato antiquario come opera “di scuola cremonese”. Gli studi di Tanzi hanno ricondotto con certezza alla paternità di Gambara, un’attribuzione importante per il patrimonio collezionistico e la ricerca che la Pinacoteca dedica all’artista, del quale possiede diverse opere, tra cui, in mostra, l’Autoritratto del 1561-62 e i già citati affreschi strappati di soggetto profano. Lo stringente legame con le collezioni della Pinacoteca – dove a Gambara è affidato il ruolo di rappresentare il Manierismo, con le sue bizzarrie e le sue contaminazioni linguistiche sovraregionali – è ribadito anche dalla scelta di collegare il biglietto della mostra in Santa Giulia a quello della Tosio Martinengo, in un’ideale continuità di visita che sottolinei il ruolo del Museo e delle raccolte permanenti all’interno dei programmi e delle iniziative della Fondazione.
La mostra contribuisce quindi a far luce su Gambara, celebrato da Vasari come “il miglior pittore che sia in Brescia”, evidenziandone l’importanza nel panorama artistico della metà del XVI secolo nell’Italia settentrionale. Un autore identitario ma al contempo aperto e ricettivo verso i grandi cambiamenti artistici dell’epoca, aggiornato sui maestri e sui cantieri presenti a Cremona, Mantova, Parma, Verona e Venezia, e in grado di assimilare la lezione di Correggio, Giulio Romano, Parmigianino e Paolo Veronese.

Lattanzio Gambara autoritratto

Orari e biglietti: da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì, ad eccezione di quelli festivi.
Il biglietto di ingresso alla mostra dà diritto all’ingresso gratuito in Pinacoteca Tosio Martinengo e viceversa.
Si ha inoltre diritto a una riduzione sul biglietto d’ingresso al Museo di Santa Giulia (7,50 euro anziché 10,00 euro).
Costi: 8,00 euro biglietto intero; 6,00 euro ridotto gruppi e convenzioni (gruppo da 10 a 20 visitatori, abbonati Trenord, socio Touring Club Italiano, Abbonamento Musei Torino Piemonte, Membro Alleanza Cultura); 4,50 euro ridotto (14-18 anni, over 65, studenti universitari e accademie); 3,00 euro ridotto scuole e bambini 6-13 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.