Quantcast

Lite di Rovato: arrestato aggressore

Bloccato all’aeroporto di Bologna mentre tentava di fuggire in Marocco. Dopo aver aggredito l’amante ha trasferito moglie e figli dal suocero.

(red.) È stato arrestato mentre cercava di scappare a Casablanca.
Il 28enne di origine marocchina, responsabile dell’aggressione avvenuta a Rovato nella notte del 28 maggio, è stato bloccato dai carabinieri di Brescia all’aeroporto di Bologna.
L’uomo, lo ricordiamo, è responsabile di aver ferito a colpi di mannaia una connazionale, Fatima Zahara Lachguer, fino quasi ad ucciderla. Secondo le ipotesi degli inquirenti, basate anche sulla testimonianza della coinquilina della vittima, i due sarebbero stati amanti.
Grazie alle indagini delle forze dell’ordine bresciane, è stato accertato che il 28enne, dopo aver aggredito la ragazza, è scappato con un’automobile fino alla sua residenza, a Travagliato.
A questo punto, quindi, avrebbe trasferito la moglie e i due figli a casa del suocero, nel Veronese, per poi recarsi all’aeroporto di Bologna con l’intento di scappare in Marocco.
Fortunatamente, comunque, è stato fermato. Per lui l’accusa è di tentato omicidio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.