Giornata europea dei parchi, Rolfi: “Altri 5 mln dalla Regione”

"Obiettivo: il 30% dei territori tutelato". "Bergamo e Mantova stanno ampliando, a Brescia serve uno scatto in avanti", ha detto l'assessore regionale Fabio Rolfi.

Brescia. «Un quarto del territorio lombardo è coperto dalla forma di tutela delle aree protette. Puntiamo a raggiungere nel più breve tempo possibile l’obiettivo del 30%. Si sta concludendo l’iter per l’ampliamento del Parco dei Colli, a Bergamo, e del Parco del Mincio, a Mantova. Auspico l’istituzione di un grande parco regionale a Brescia, sollecitato da associazioni e comitati del territorio. La Regione si è già detta disponibile, ma la richiesta deve arrivare dai Comuni. È necessario per alzare il livello di tutela ambientale della città». Lo ha detto il bresciano Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, in occasione della Giornata europea dei parchi.
La Lombardia conta su 24 parchi regionali 3 riserve naturali statali e 67 regionali, 33 monumenti naturali, 107 parchi locali di interesse sovracomunale e 245 siti di Rete Natura 2000.

Regione Lombardia nei mesi scorsi ha destinato 10,5 milioni di euro di fondi straordinari agli enti gestori dei parchi per migliorare strutture e infrastrutture. «Nelle prossime settimane – ha annunciato l’assessore – aumenteremo di altri 5 milioni le risorse disponibili. Per rendere i parchi fruibili bisogna dotarli di servizi adeguati». «Investimenti – ha aggiunto – che hanno fatto già registrare un aumento di visitatori nelle aree protette della nostra regione».

«In questi anni la Regione Lombardia – ha detto Rolfi- ha costruito un ottimo rapporto con Federparchi. Crediamo davvero che i parchi regionali siano il polmone verde della Lombardia, spazi naturali che permettono alle città di respirare e intendiamo valorizzarle e farle conoscere, anche in chiave turistica». «Il tema del benessere è diventato centrale nel dibattito pubblico – ha concluso – ed è fondamentale richiamare l’attenzione sul prezioso lavoro che le aree protette svolgono nella cura del territorio, del paesaggio e della biodiversità».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.