Quantcast

Castenedolo, il progetto di Campo Nug per il Parco delle Moschine

L'associazione punta a riqualificarlo e valorizzarlo facendone uno spazio per tutta la comunità. Per questo ha lanciato una compagna di raccolta fondi, che ha un obiettivo da raggiungere entro il 13 febbraio.

(red.) Le parole d’ordine sono tre e non si tratta di cose da poco: rinunciare all’individualismo, cooperando; ripartire dalle nuove generazioni, mettendole al centro; rilanciare il rapporto armonico tra persone e natura.
Si tratta della dichiarazione d’intenti di Campo Nug, un’associazione nata a Castenedolo che ha lanciato una campagna di raccolta fondi da 22.500 euro, attivata sul network di Banca Etica, da investire nella gestione del parco delle Moschine. L’obiettivo è “riqualificare uno spazio pubblico naturale inutilizzato, per valorizzare l’ambiente generando dinamiche di cittadinanza attiva e di educazione al senso civico ed ambientale”.
Il parco delle Moschine è uno spazio naturale di proprietà comunale (ora concesso in comodato d’uso a Campo Nug) composto da un’area boschiva, perfetta per laboratori all’aria aperta per bambini e ragazzi, con un campo da attrezzare per eventi culturali, musicali e per l’organizzazione dell’orto didattico e del giardino botanico, con una casetta che potrebbe diventare casa delle associazioni e punto di appoggio per momenti conviviali, incontri ed eventi.
Insomma, Campo Nug (acronimo di Nuova umanità generativa) vuole trasformare uno spazio per ora inutilizzato nel cuore delle attività collettive della comunità di Castenedolo.
Banca Etica ha selezionato il progetto tra oltre 50 candidature provenienti da tutta Italia sul tema “cittadinanza attiva e contrasto al cambiamento climatico”.
Però c’è una scadenza: entro il 13 febbraio l’associazione dovrà aver raccolto i 22.500 euro e a quel punto la banca darà un contributo di 7.500 euro che consentirà di arrivare a 30 mila. Una cifra con la quale sarà possibile dare il via al piano di recupero dell’area verde. Per saperne di più, oppure per entrare a fondo nel progetto o contribuire, questo il link alla campagna di crowdfunding.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.