Quantcast

Concesio, un prato per api, farfalle, pipistrelli e rettili

E' quello che l'associazione "Vivere Concesio" sta realizzando in un'area verde ai piedi del Monticello dove verrà creato un percorso naturalistico guidato.

(red.)  Concesio ama la natura. Sono diverse infatti le iniziative che, nel paese valtriumplino, si sono accese per proteggere l’habitat e, anche, il futuro dei cittadini.

Oltre al progetto della “autostrada delle api”, trattato nel consiglio comunale dello scorso 28 giugno e che, a breve, potrebbe diventare realtà, l’associazione “Vivere Concesio” ha sottoscritto un accordo con l’amministrazione comunale  per creare un luogo in cui insetti, uccelli e rettili possano trovare dimora e che possa, anche, diventare un polo didattico educativo per le giovani generazioni.

Alla base del Monticello, una collina di 253mila metri quadri vicina al plesso scolastico di Sant’Andrea, il Comune ha concesso in gestione all’associazione di volontari l’area dai sentieri 1 e 2 e adiacenti. Qui sorgerà un percorso didattico naturalistico con un prato piantumato con essenze autoctone, circondato da arbusti, sempre autoctoni, in grado di “richiamare” insetti impollinatori essenziali per l’habitat.

Al centro del prato una catasta di legna che fungerà da “cibo” per gli insetti e per i funghi, oltre a fornire rifugio ai rettili, due bat box, dimore per i pipistrelli, e in collaborazione con gli apicoltori, anche due arnie per le api. L’obiettivo è quello di coinvolgere la cittadinanza con giornate di visite guidate all’area verde.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.