Quantcast

Caccia stoppata dal Tar: “Lega sostiene le doppiette”

(red.) “Quello giunto dal Tar è un fulmine a ciel sereno, giunto senza nessun tipo di contraddittorio. La Regione, come ha già fatto sapere l’assessore Rolfi, è già al lavoro per consentire in tempi brevissimi la ripresa dell’attività venatoria”.

Così Francesco Ghiroldi, consigliere regionale della Lega, intervenuto in merito alla richiesta della LAC (Lega per l’abolizione della caccia), accolta dal Tribunale amministrativo regionale, di sospendere la caccia in Lombardia.

Domenica 19 settembre era infatti ripresa l’attività venatoria, anche se sottotono  a causa della pioggia, nel bresciano.

“La Lega è unita nel sostenere le ragioni dei cacciatori e, oltre all’impegno preso di far ripartire la stagione, saremo in prima linea per difendere davanti al Tar le nostre motivazioni in merito a un calendario venatorio che rispetta in pieno tutte le indicazioni previste e che ha ottenuto parere positivo alla valutazione ambientale”.

“La sentenza del Tar è un fatto singolare e assolutamente penalizzante per una intera categoria e per tutti gli appassionati di questa nobile tradizione”, ha concluso Ghiroldi.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.