Quantcast

10 milioni per la viabilità di montagna: i criteri del bando regionale ‘Itinerari’

(red.) Sono stati approvati dalla giunta regionale i criteri e le modalità di assegnazione del bando regionale ‘Itinerari’ che finanzierà interventi realizzativi o migliorativi del patrimonio esistente della rete escursionistica, agro-silvo-pastorale, pedonale e ciclopedonale di montagna.
“Al fine di incrementare l’attrattività dei territori montani attraverso lo sviluppo del turismo, con effetti positivi sul rilancio dell’economia locale, Regione Lombardia finanzia, attraverso il bando ‘Itinerari’, la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria e realizzazione di nuovi tratti della rete escursionistica, della rete viaria di servizio alle attività agro-silvo-pastorali nonché di percorsi ciclopedonali e ciclabili. 10 milioni che permetteranno a comuni, comunità montane ed enti parco di cantierare opere fondamentali per il territorio”, spiega Floriano Massardi, consigliere regionale della Lega e vicepresidente della Commissione Agricoltura, Montagna e Foreste, in merito all’approvazione dei criteri di assegnazione del bando ‘Itinerari’ approvati dalla giunta regionale.

“Il contributo concesso da questa misura”, continua Massardi, “è a fondo perduto, commisurato al valore delle opere ammesse a contributo e non può superare il 50% della spesa ritenuta ammissibile. Per i comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti, gli enti parco e le comunità montane sono concessi contributi sino al 90% della spesa ritenuta ammissibile”. L’assegnazione del contributo avverrà sulla base di una procedura valutativa a graduatoria. La domanda deve essere presentata dai soggetti beneficiari esclusivamente mediante la piattaforma all’indirizzo all’indirizzo www.bandi.servizirl.it.  L’istruttoria delle domande è condotta da Ersaf, su incarico di Regione Lombardia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.