Quantcast

Brescia, risultati sull’ambiente dagli osservatori Alfa Acciai e Ori Martin

Ieri la presentazione dei rapporti su come le due aziende stanno lavorando per ridurre le emissioni di CO2.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 23 giugno, a palazzo Loggia a Brescia sono stati presentati i risultati dei due osservatori di Alfa Acciai e Ori Martin per le azioni che stanno mettendo in campo per ridurre le emissioni di anidride carbonica nell’aria e migliorare i problemi connessi a odori e rumori. E alla presentazione, oltre ai rappresentanti delle due aziende, c’erano anche la Codisa di San Polo e il consiglio di quartiere di San Bartolomeo. Gli osservatori sono due strumenti ritenuti utili nel rapporto tra le aziende e il territorio, insieme all’amministrazione comunale, per risolvere i problemi connessi all’ambiente.

E a illustrare i dati sono stati Giovanni Comboni di Ori Martin e Giuseppe Cavalli di Alfa Acciai. E proprio a proposito dell’azienda di San Polo, il Codisa spinge il Comune affinché venga sbloccata la piccola collina sotto sequestro e per indurre l’azienda a chiudere l’anello della pista ciclabile sul lato ovest. All’illustrazione c’erano anche il sindaco Emilio Del Bono parlando dell’importanza anche degli osservatori Aria bene comune, Acqua bene comune e Termovalorizzatore e l’assessore all’Ambiente Miriam Cominelli sulle novità ecologiche e di risparmio energetico derivanti dalla politica che si sta adottando.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.