Quantcast

Verdi: “Troppi allevamenti intensivi nella provincia di Brescia”

Bisogna rivedere le nostre abitudini alimentari riducendo il consumo dei prodotti di origine animale. Circa 1500 morti premature all'anno potrebbero essere evitate in Lombardia.

(red.) (red.) Nella provincia di Brescia, con i suoi 1.200.000 abitanti, vengono allevati circa 1.300.000 suini, detenendo di fatto il triste record della quantità di maiali allevati con un numero sostanzialmente maggiore a quello della stessa popolazione. Questo fenomeno è particolarmente presente in molti paesi della Bassa bresciana”, si legge in un comunicato dei Verdi-Europa Verde Brescia. “Abbiamo da sempre lottato contro il modello degli allevamenti intensivi e ci piacerebbe che si allargasse sempre di più il dibattito in tutta la nostra provincia. L’aumento del consumo di carne ha come conseguenza la necessità di produrre sempre di più con sistemi sempre più intensivi e questa è una delle maggiori cause dell’ emergenza climatica”.

“Noi riteniamo che sia sempre più urgente comprendere la necessità di rivedere le nostre abitudini alimentari riducendo il consumo dei prodotti di origine animale. Secondo uno studio dell’università di Brescia, circa 1500 morti premature ogni anno potrebbero essere evitate in tutta la Lombardia se i cittadini di questa regione dimezzassero il loro consumo di proteine animali. Gli allevamenti sono la prima causa di emissione di CO2 (nella regione Lombardia ne producono l’ 85% del totale) e poi vi è l’emissione di PM10 altro inquinante che si libera in atmosfera, difatti i reflui vengono smaltiti talvolta anche illegalmente nei campi utilizzati come dei siti per lo smaltimento dei rifiuti (tutto ciù avviene spesso nella nostra provincia)”.

“Altra questione che andrebbe affrontata sono gli incentivi e isgravi fiscali di cui gode questo settore che andrebbe riadattato, questo per evitare di promuovere attività che puntano sulla quantità piuttosto che sulla sostenibilità e qualità. Noi riteniamo che ci sia bisogno di cambiare radicalmente nei confronti degli animali e dell’ambiente e ognuno di noi dovrebbe fare la propria parte. Solo in questo modo possiamo ottenere benefici per la nostra salute ed il futuro dei nostri figli e di tutto il pianeta in cui viviamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.