Desenzano e Puegnago, sequestri agli scarichi di due aziende

Un'officina meccanica e un'azienda dolciaria sono finite nei guai da parte del Gruppo reati ambientali della procura.

(red.) Dai mesi precedenti alla fine di luglio la Polizia giudiziaria sta continuando a lavorare alla ricerca, nel bresciano, di aziende che scaricano illegalmente i propri reflui nel sistema fognario senza alcuna forma di depurazione o pulizia preliminare. E i risultati non sono mancati, visto che nell’arco di alcune settimane sono state sequestrate dieci realtà in modo preventivo tra la Bassa bresciana e il lago di Garda.

Gli ultimi due episodi, di cui dà notizia Bresciaoggi, interessano entrambi il Garda, tra Desenzano e Puegnago. In particolare, un’officina meccanica che si occupa anche di lavare auto e un’azienda dolciaria. Nei loro confronti e su mandato della procura si è mosso il Gruppo reati ambientali che ha disposto una serie di sequestri. Infatti, si è scoperto che le due attività scaricavano i liquidi industriali, legati al lavoro e alla pulizia, direttamente nel sistema fognario. E senza autorizzazioni.

Il blitz nelle due aziende è scattato nelle ore precedenti a giovedì 30 luglio. Nel caso di Desenzano è partita anche una denuncia per scarichi non autorizzati e visto che i documenti erano scaduti da nove anni. Da 11 anni, invece, la realtà di Puegnago non era dotata delle autorizzazioni. In più si è scoperto che i liquidi scaricati illecitamente erano inquinanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.