Ghedi e Montichiari, fiumi ancora nel mirino degli inquinatori

Nel fine settimana uno degli ultimi episodi, con il torrente Garza che si è colorato di un giallo sospetto.

(red.) Il territorio della bassa bresciana continua a restare nel mirino degli episodi di inquinamento. Gli ultimi in ordine di tempo e di cui dà notizia Bresciaoggi sono stati segnalati nello scorso fine settimana tra sabato 25 e domenica 26 luglio a Ghedi, ma anche a Montichiari. Tra Ghedi e Castenedolo il torrente Garza ha assunto una colorazione gialla, frutto forse di uno scarico di liquami o di resti di un’azienda.

E in una cava d’acqua non lontana si trovano rifiuti di plastica, probabilmente defluiti lungo il fiume raccogliendo il materiale scaricato da qualche azienda. Infine, ancora nei pressi del ponte di Borgosotto a Montichiari, dove si erano già verificati degli episodi in passato, è tornata a farsi vedere della schiuma lungo il Chiese, forse opera di scarichi di liquami della zootecnica provenienti dai paesi vicini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.