Carpenedolo, scarichi illeciti: sequestro al macello

Ieri mattina l'intervento della Polizia provinciale al mattatoio. Autorizzazione ambientale era scaduta da anni.

(red.) Ieri mattina, lunedì 30 marzo, gli agenti del Nucleo Ambientale della Polizia provinciale di Brescia hanno raggiunto la Bigierre Carni di Carpenedolo, in via Moretto, per porre i sigilli e sequestrare la struttura. Infatti, è stato verificato che gli scarichi della lavorazione venivano smaltiti e non trattati, finendo direttamente nei corsi d’acqua.

E non solo, perché l’autorizzazione integrata ambientale era scaduta da anni e la proprietà non aveva mai portato avanti la richiesta di rinnovo. L’indagine delle forze dell’ordine era partita dopo una segnalazione di Acque Bresciane che aveva svolto dei controlli a campione sulle acque e trovando livelli di inquinamento oltre i limiti.

La Polizia provinciale ha accertato la fonte sequestrando l’impianto che potrà tornare al lavoro solo dopo essersi messo in regola. Oltre al processo penale, i titolari rischiano una sanzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.