Carpenedolo, fibre di amianto: sequestrato terreno agricolo

I militari hanno posto i sigilli su un'area di via Cornali e dove è presente un canale spesso preso di mira.

(red.) Fibre di amianto in misura decisamente superiore rispetto al consentito. Per questo motivo nelle ore precedenti a lunedì 2 marzo i carabinieri della stazione locale hanno sequestrato un terreno agricolo nell’area industriale di Carpenedolo, nella bassa bresciana. La zona interessata è quella di via Cornali dove è presente un canale che spesso è oggetto di scarichi abusivi di liquami ed elementi tossici.

Tuttavia, il titolare del terreno e di cui la posizione è al vaglio ha negato di aver scaricato quei materiali di amianto nella propria area. E forse si tratta di pezzi spinti dal vento dei fenomeni del 2019 che hanno interessato anche edifici diroccati e abbandonati.

I militari stanno anche valutando se l’amianto abbia interessato le falde acquifere. Tra l’altro nei pressi del terreno sequestrato sono stati stoccati altri rifiuti speciali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.