Discariche abusive, il prefetto chiede l’aiuto anche dei Tornado

Da qualche mese attivi gli elicotteri di Orio al Serio. E nel mirino anche i depositi di veicoli da rottamare.

(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 13 gennaio, il prefetto di Brescia Attilio Visconti ha presentato i primi risultati dell’attività condotta nel 2019 dal Nucleo Operativo Ambientale e con riferimento, in particolare, al controllo delle discariche abusive. I numeri parlano di 696 impianti che si occupano di rifiuti in provincia e nel frattempo, da maggio a dicembre del 2019, con l’introduzione del Noa, sono state controllate 250 aziende. Le verifiche hanno portato a 15 denunce a livello penale e a trenta sanzioni amministrative.

Provvedimenti che sono stati emessi dopo i controlli da parte della Polizia provinciale con i carabinieri forestali, i vigili del fuoco, l’Arpa e anche l’Agenzia di Tutela della Salute. Si è anche certificato che sono 65 i Comuni bresciani che ospitano impianti di trattamento dei rifiuti e nel censimento più recente sono state anche individuate un centinaio di zone dove sono presenti discariche abusive o spazi preposti a realizzarne. E sempre ieri, in occasione del primo bilancio di questa attività di controllo, è emersa anche una proposta che potrebbe diventare concreta. L’idea è quella di impiegare anche i Tornado di Ghedi per scoprire i siti abusivi.

Una misura che dovrà trovare prima la collaborazione con l’Aeronautica Militare. Da qualche mese la prefettura conta sull’aiuto di satelliti e anche sugli elicotteri del Nucleo di Orio al Serio, ma prossimamente nei cieli bresciani potrebbero muoversi anche i mezzi militari per individuare i siti anomali. E a livello ambientale non pesano solo le discariche non autorizzate. La prefettura mette nel mirino anche i depositi di veicoli che sono parcheggiati in vari siti e in attesa di essere rottamati.

Si parla di 61 luoghi di questo tipo in 45 paesi bresciani e quindi 2.500 mezzi che rischiano di inquinare l’ambiente. Per questo motivo Attilio Visconti ha annunciato di voler analizzare con precisione il fenomeno partendo dalla conta dei veicoli a rischio e delle aziende che si occupano della rottamazione. Saranno quindi invitate a liberare i propri depositi. Nel frattempo si sta anche studiando un piano di emergenza esterno per lo stoccaggio e lavorazione dei rifiuti: sarebbe l’unico a livello nazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ggaggio

    Forse mi sfugge qualcosa ma non mi sembra una grande idea….premesso che basta “googlemaps” per vedere discariche abusive penso sia meno dispendioso e più efficace l’utilizzo di semplici droni.
    Piloti da caccia ( pochi, rari e qualificati) per trovare quello che dovrebbero fare tanti e semplici vigili urbani ?
    Costi esorbitanti, inquinamento inutile ( o esistono Tornado elettrici? ) per un servizio meno preciso ( non possono fermarsi ad osservare i luoghi ) Ma forse mi sfugge qualcosa….se il Prefetto sostiene l’idea….