Quantcast

Depurazione Garda, il 12 gennaio corteo contro il progetto

Dalle 14 due cortei si muoveranno per poi trovarsi insieme nella zona dove è destinato l'impianto di Gavardo.

(red.) Quella della prossima domenica 12 gennaio si annuncia come una grande mobilitazione di massa in Valsabbia contro il progetto dei depuratori da allestire a Gavardo e Montichiari, nel bresciano. L’iniziativa è stata presentata ieri, giovedì 2 gennaio, organizzata dal Tavolo delle Associazioni legate al fiume Chiese e Idro, Basta Veleni e dal Comitato Gaia di Gavardo. E alla manifestazione sono attesi, insieme ai cittadini, anche i rappresentanti di trenta Comuni lungo il Chiese.

Il programma prevede due cortei in partenza in contemporanea alle 14 dalla piazza del supermercato Family di Gavardo e dal municipio di Prevalle per confluire tutti nella zona dove è destinato l’impianto valsabbino. Da sempre le associazioni criticano il progetto di destinare al fiume Chiese tutti i reflui fognari della parte bresciana del Garda e citano le parole del presidente della Provincia Samuele Alghisi sul fatto che nemmeno questo sarebbe il progetto migliore.

Invece dei 230 milioni di euro previsti per l’opera, le associazioni chiedono di investire i 100 milioni del Governo per rifare la condotta e mettere in sicurezza tutti i paesi interessati, separando le acque bianche da quelle nere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.