Gottolengo, tre cacciatori denunciati dal Wwf per uccelli protetti

Operazione delle guardie venatorie volontarie lo scorso 22 dicembre. Sono 52 i fermati durante la stagione.

(red.) Nei giorni intorno a lunedì 30 dicembre le guardie volontarie venatorie del Wwf hanno presentato un primo bilancio della loro attività condotta contro i bracconieri bresciani e mentre la stagione è ancora in corso. In generale, come riporta Bresciaoggi, sono stati circa 300 i cacciatori già denunciati da diverse forze di polizia e nella maggior parte dei casi si parla di persone in possesso di una licenza.

Tra questi numeri, le guardie del Wwf hanno denunciato 52 soggetti e, tra i motivi, ci sono soprattutto l’abbattimento di specie protette e l’uso di richiami acustici vietati. Una delle ultime operazioni in questo senso è andata in scena a Gottolengo lo scorso 22 dicembre e dove sono stati denunciati tre cacciatori per aver abbattuto pettirossi e altri uccelli protetti.

Ma non solo deferiti nel nostro territorio, bensì altri bresciani denunciati anche in trasferta dalle guardie venatorie. E continua il fenomeno dei recidivi e di chi viola la legge anche pochi giorni dopo aver incassato una denuncia da altre forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.