Quantcast

Montichiari, idrocarburi nei terreni: diffida

La Tank Wash Matras dovrà scrivere un piano di messa in sicurezza e poi di caratterizzazione verso la bonifica di un terreno intriso di sostanze pericolose.

(red.) L’area della bassa bresciana continua a restare nel mirino dal punto di vista ambientale tra discariche e rifiuti. L’ultima segnalazione, di cui dà notizia Bresciaoggi, arriva da Montichiari dove l’azienda Tank Wash Matras ha ricevuto una diffida dalla Provincia per la contaminazione da idrocarburi in alcuni terreni. La zona è quella di via Aeroporto e ora l’impresa avrà una settimana di tempo per presentare un piano di messa in sicurezza. Già l’Arpa, durante i controlli, aveva verificato la presenza di sostanze pericolose nei terreni tra olio idraulico, terra e plastica e scarti da demolizione.

In quel punto ci sono contenitori di plastica con residui di solventi e anche una vasca di olii. Nell’arco di un mese, dopo la messa in sicurezza, l’azienda dovrà anche redigere un piano di caratterizzazione in vista di una bonifica. Quell’area era finita nel mirino della Polizia Locale nel 2016 dopo il sequestro di circa 11 mila metri quadrati e scoprendo una specie di discarica abusiva. Nel 2015 anche i carabinieri della stazione si erano mossi per un controllo e denunciando i titolari della Matras per lo smaltimento di rifiuti pericolosi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.