Lago Iseo è pulito, ma preoccupano micro plastiche

Ieri la Goletta dei Laghi di Legambiente ha presentato i risultati dei controlli effettuati dagli operatori sulla sponda bresciana e bergamasca del Sebino.

(red.) Ieri, martedì 2 luglio, a Castro, in provincia di Bergamo, la Goletta dei laghi di Legambiente ha presentato i risultati dei controlli effettuati sul lago d’Iseo da parte degli operatori dell’associazione. Ed è stato accertato che ci sono degli elementi critici, ma comunque entro i limiti. Tuttavia, pare che uno dei problemi maggiori siano le microplastiche nell’acqua, tanto che si sta pensando di introdurre degli organismi in grado di “mangiarle” ed eliminarle dall’ecosistema.

A livello di controlli, sono stati analizzati la foce del torrente Rino, il canale della spiaggia Bar delle Rose e la foce del fiume Oglio a Costa Volpino e la foce del Borlezza a Castro, sulla sponda bergamasca, mentre su quella bresciana sono finiti nel mirino la foce del torrente Calchere di Sulzano, la darsena di Pisogne e Peschiera di Monte Isola.

Tutti gli indicatori erano entro i limiti, così come quei punti che da anni vengono considerati critici. Ma lungo le spiagge sono anche state trovate centinaia di cicche di sigarette, oltre a bastoncini di cotton fioc. E da Legambiente, che si dicono comunque soddisfatti dei risultati, chiedono anche un sistema di navigazione meno inquinante.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.