Quantcast

Calcinato, scarichi nel Chiese: nei guai un‘azienda

Domenica notte l'ennesimo episodio di sversamento. Acque Bresciane con i carabinieri è risalita a un'impresa. Guaio dovuto a un guasto alla depurazione.

(red.) Nella notte tra domenica 31 marzo e ieri, lunedì 1 aprile, si è verificato l’ennesimo episodio di sversamento di sostanze inquinanti all’interno del fiume Chiese nella frazione di Calcinatello a Calcinato, nella bassa bresciana. Ma stavolta è stato trovato il presunto responsabile dello scempio. La zona coinvolta è quella di via Croce Santo Stefano dove sono presenti una serie di canali di scarico e anche il depuratore della frazione. Sul posto sono giunti, quindi, anche i tecnici della società Acque Bresciane che hanno scoperto il malfunzionamento all’impianto di depurazione.

Infatti, sarebbe stato costretto a smaltire scarti pari a 40 mila abitanti, mentre il massimo è di 2.200. Di conseguenza tutto il materiale ha raggiunto il fiume e sul luogo sono arrivati anche i carabinieri di Calcinato per indagare. Nel mirino è finita un’azienda che ora dovrà rispondere. Come detto, non è la prima volta che si segnalano scarichi nel Chiese e anzi è dal 20 marzo che la situazione prosegue e viene controllata da Arpa, Polizia Locale e carabinieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.