Quantcast

Lonato, Manerbio e Leno: ambiente nel mirino

Sul lago di Garda segnalati odori simili al materiale ferroso e che ha mandato in allarme i residenti. A Manerbio un tanfo che raggiunge il centro storico.

Più informazioni su

(red.) Lonato, Manerbio e forse anche Leno. Nei tre Comuni bresciani si sta valutando la situazione dal punto di vista ambientale a causa di tanfi e cattivi odori. A partire dal lago di Garda, alcuni consiglieri comunali sono entrati in azione per segnalare una serie di molestie a livello di odori al Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri di Brescia. L’obiettivo è quello di verificare l’origine e per un odore che sembra essere simile al materiale ferroso che spesso si avverte durante la settimana nei giorni di lavoro tra via Montebello e fino al centro storico e San Martino. Si parla di un tanfo che crea fastidi alle vie respiratorie e che ha già portato la Polizia Locale a emettere un verbale verso un’azienda. Forse a causa di una sabbia usata per la fusione. Tuttavia, la stessa incriminata si difende e in ogni caso si attendono anche i risultati dell’Arpa.

Un disagio simile si sta vivendo anche a Manerbio, tra via Brescia e il fiume Mella. Sono stati i residenti a segnalare un cattivo odore e ora sono attesi i tecnici dell’Arpa per capire le cause. Si tratta di un tanfo avvertito nel corso di una notte e tale da arrivare fino in centro storico. Tra le origini da identificare, sembra escluso un problema al depuratore, mentre è più probabile nei gessi di defecazione e liquami nei campi. Sembra che il disagio sia presente da una settimana tramite i torrenti affluenti del Mella e perfino segnalati tra locali pubblici e ristoranti.

Infine, nel caso di Leno si sta valutando se sia stata la polmonite batterica, magari provocata da disagi a livello ambientale, a uccidere l’ex sindaco Lorenzo Bonetti di cui questa mattina, sabato 1 dicembre, si è celebrato il funerale. L’uomo, di 76 anni, è morto all’hospice di Pontevico dove si trovava da tempo, ma il magistrato Cristina Bonomo ha deciso di disporre l’autopsia per accertare la causa del decesso. Tuttavia, nel suo caso potrebbe anche essersi trattata di una malattia professionale dopo che per anni aveva lavorato in un’azienda siderurgica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.